Rivi di lacrime

“Rivi di lacrime mi scendon giù dagli occhi, perché la tua legge non è osservata” (Sal. 119:136).

Anch’io piango nel vedere e constatare quanto in mezzo al popolo di Dio la Parola di Dio sia disprezzata da tanti anche qui in Italia, pastori e pecore senza distinzione. La Bibbia per costoro è un libro senza alcun valore, quantunque lo citino e magari vanno al culto con una copia di essa. Fanno professione di conoscere Dio ma lo rinnegano con le loro opere, essendo abominevoli e ribelli e incapaci di qualsiasi opera buona, dice Paolo di costoro (cfr. Tito 1:16). Maneschi, violenti, amanti del denaro, volgari, buffoni, ghiottoni, spietati, arroganti, arrivisti, amanti dei piaceri della vita anziché di Dio, amanti e praticatori della menzogna, calunniatori, pronti anche ad uccidere se ce ne fosse il bisogno. Costoro hanno buttato via da loro sia la fede che la buona coscienza, porteranno la pena delle loro iniquità. Guardatevi da costoro, come vi guardereste da un cobra o da una bestia feroce che incontrate per strada. Costoro cercano solo il vostro male, non la vostra edificazione.

E tu fratello, che sentimento provi nel vedere questi uomini disprezzare la Parola di Dio e causare scandali a non finire in mezzo al popolo di Dio? Piangi o ti rallegri? Ti levi in favore della verità e della giustizia denunciando le opere inique di costoro e mettendo in guardia i fratelli da questa gente o magari fai – come molti – finta di non vedere o sentire nulla?

pensieri

Pensieri (Vol. 1)

Butindaro Giacinto, Roma 2015 – Versione aggiornata. Pagine 728.

Giacinto Butindaro

Chi non avrà creduto sarà condannato [Audio Streaming]

Chi non avrà creduto sarà condannato
bibbia microfono mondo

È on line il file audio della predicazione di Giacinto Butindaro dal titolo “Chi non avrà creduto sarà condannato” trasmessa in diretta ieri sera. Il file è un MP3 e pesa circa 8 MB (128 Kbps), 3 MB (24 Kbps). L’audio dura circa 8 minuti. L’archivio delle registrazioni è alla seguente pagina. Qui sotto lo puoi ascoltare in audio streaming.

Ci è stato dato

“Poiché a voi è stato dato, rispetto a Cristo, non soltanto di credere in lui, ma anche di soffrire per lui” (Fil. 1:29).

Vorrei che notaste come la Scrittura dice che a noi E’ STATO DATO DI CREDERE in Cristo (ovviamente questo ci è stato dato da Dio Padre). Cosa questa che fu confermata con parole simili da Gesù stesso nei giorni della sua carne quando disse ai suoi discepoli, cioè a quelli che avevano creduto in lui, in risposta alla loro domanda del perché parlasse alle turbe in parabole, le seguenti parole: “Perché a voi è dato di conoscere i misteri del regno dei cieli; ma a loro non è dato” (Matt. 13:11). In verità noi non avremmo giammai potuto credere in Cristo, se Dio non ce lo avesse concesso nella sua grazia, se Egli non avesse operato in noi in questo senso. Lui aveva decretato di farci credere nel suo Figliuolo Gesù Cristo e a suo tempo, nel luogo da lui stabilito, compì questo suo decreto su di noi, senza che noi sapessimo nulla. Ancora oggi dunque si deve dire di tutti coloro a cui il Padre ha dato di credere: “Tutti quelli che erano ordinati a vita eterna, credettero” (Atti 13:48).

Ma come abbiamo visto a noi non ci è stato dato solo di credere in Cristo, ma anche di soffrire per lui. Questo forse non fa piacere sentirlo ad alcuni, ma è anch’essa una cosa che il Padre ci ha dato, è anche questa una cosa a cui Dio ci ha destinato. Sì, fratelli, Dio ci ha destinato a soffrire per il suo Figliuolo; Paolo disse infatti ai santi di Tessalonica circa le afflizioni che essi pativano a motivo di Cristo: “Poiché voi stessi sapete che a questo siamo destinati” (1 Tess. 3:3), e assieme a Barnaba disse queste parole ai santi di Listra, Iconio ed Antiochia: “Dobbiamo entrare nel regno di Dio attraverso molte tribolazioni” (Atti 14:22). Dunque le afflizioni per noi Cristiani non è che ci possono essere, ma ci devono essere, o meglio è del tutto normale che ci siano. Il credere in Cristo e il soffrire per Cristo hanno camminato sempre assieme in ogni età e luogo sulla faccia della terra. Se uno ha creduto in Cristo non può non soffrire per amore del suo nome; vive in mezzo ad un mondo che giace nel maligno e che è avverso a Cristo, come può accadere che non soffra per Cristo? Dunque fratelli, sappiate che le afflizioni sono qualcosa a cui noi siamo stati destinati da Dio e che quindi entreremo nel Regno di Dio dopo averle sopportate. Gesù non fu forse glorificato dopo avere sofferto?

pensieri

Pensieri (Vol. 1)

Butindaro Giacinto, Roma 2015 – Versione aggiornata. Pagine 728.

Giacinto Butindaro

Dio ci corregge perché ci ama

“Chi risparmia la verga odia il suo figliuolo, ma chi l’ama, lo corregge per tempo” (Prov. 13:24).

Ecco perché l’Iddio e Padre nostro celeste ci corregge con la sua verga, perché ci ama. Se Egli ci risparmiasse la correzione di cui noi tutti abbiamo bisogno egli non sarebbe più un Padre buono ma cattivo. Solo un padre cattivo infatti risparmia la correzione ad un suo figlio quando questi se la merita. Certo, è vero che la disciplina del Signore appena la si riceve non fa piacere alcuno infatti ci si rattrista, si piange, ci si affligge l’anima, però dopo, come dice la Scrittura, rende “un pacifico frutto di giustizia a quelli che sono stati per essa esercitati” (Ebr. 12:11). Quando dunque la verga di Dio si leva contro di noi, teniamo sempre presente che Egli ci verga per il nostro bene, come dice la Scrittura, “affinché siamo partecipi della sua santità” (Ebr. 12:10). Non ti perdere d’animo dunque, fratello, quando il Signore ti corregge, accetta la sua correzione come una manifestazione d’amore. Piangerai, sarai afflitto, ma alla fine potrai dire a Dio: “È stato un bene per me l’essere afflitto, ond’io imparassi i tuoi statuti” (Sal. 119:71), ed anche: “Io so, o Eterno, che i tuoi giudizî son giusti, e che nella tua fedeltà m’hai afflitto” (Sal. 119:75).

Forse alcuni ti hanno detto che la verga e il bastone del Signore sono riservati solo ai nostri nemici; non ingannarti, la Parola di Dio insegna che Dio castiga anche i suoi figliuoli e non solo quelli del mondo. Temi quindi Dio e i suoi giudizi; Lui non ha riguardi personali di nessun genere.

pensieri

Pensieri (Vol. 1)

Butindaro Giacinto, Roma 2015 – Versione aggiornata. Pagine 728.

Giacinto Butindaro

Se il giusto si tira indietro…

“Guardate, fratelli, che talora non si trovi in alcuno di voi un malvagio cuore incredulo, che vi porti a ritrarvi dall’Iddio vivente; ma esortatevi gli uni gli altri tutti i giorni, finché si può dire: ‘Oggi’, onde nessuno di voi sia indurato per inganno del peccato; poiché siam diventati partecipi di Cristo, a condizione che riteniam ferma sino alla fine la fiducia che avevamo da principio” (Ebr. 3:12-14).

Questi versi della Scrittura ci dicono che noi figliuoli di Dio, eredi di Dio e coeredi di Cristo, dobbiamo stare attenti a non fare posto nel nostro cuore all’incredulità perché essa ci porterebbe ad abbandonare Dio, la rocca del nostro cuore, Colui che ci ha eletti affinché fossimo santi e irreprensibili dinanzi a lui nell’amore. E che fine ci aspetterebbe se non la perdizione eterna? Dice infatti sempre la Scrittura che quelli che si traggono indietro lo fanno “a loro perdizione” (Ebr. 10:39).

Che ci serva di monito quello che accadde agli Israeliti che nel deserto quando arrivarono ai confini con la terra di Israele e Dio ordinò loro di prendere possesso della terra che aveva promesso ai loro padri, per cagione della loro incredulità (Mosè disse infatti: “Non aveste fiducia nell’Eterno, nell’Iddio vostro” [Deut. 1:32]), non furono fatti entrare nella terra promessa ma furono condannati a vagare per quaranta anni nel deserto fino a che ognuno di essi non fosse perito.

Dio è santo e si disgusta di coloro il cui cuore si ritrae da lui secondo che è scritto: “Il mio giusto vivrà per fede; e se si trae indietro l’anima mia non lo gradisce” (Ebr. 10:38). Egli vuole quindi che noi perseveriamo nella fede fino alla fine, e che quindi noi crediamo nel Vangelo fino alla fine così come ci credemmo al principio della nostra nuova vita.

In mezzo alle afflizioni, alle prove, agli scoraggiamenti e alle delusioni, continuiamo a riguardare a Gesù, duce e perfetto esempio di fede, sapendo che alla fine della nostra vita su questa terra se avremo serbato la fede fino alla fine ci attenderà la gloria di Dio. Come Gesù sopportò la croce sprezzando il vituperio a motivo della gioia che gli era posta dinanzi, anche noi continuiamo a sopportare ogni sofferenza a motivo della gloria che ha da essere manifestata a nostro riguardo. Di certo la nostra speranza non sarà frustrata, perché Dio è fedele.

“Or a Colui che è potente da preservarvi da ogni caduta e da farvi comparire davanti alla sua gloria irreprensibili, con giubilo, all’Iddio unico, Salvator nostro per mezzo di Gesù Cristo nostro Signore, siano gloria, maestà, forza e potestà, da ogni eternità, ora e per tutti i secoli. Amen” (Giuda 24-25).

pensieri

Pensieri (Vol. 1)

Butindaro Giacinto, Roma 2015 – Versione aggiornata. Pagine 728.

Giacinto Butindaro