Cosa devi fare per essere salvato [Audio Streaming]

Cosa devi fare per essere salvato
bibbia microfono mondo

È on line il file audio della predicazione di Giacinto Butindaro dal titolo “Cosa devi fare per essere salvato” trasmessa in diretta ieri sera. Il file è un MP3 e pesa circa 14 MB (128 Kbps), 3 MB (24 Kbps). L’audio dura circa 15 minuti. L’archivio delle registrazioni è alla seguente pagina. Qui sotto lo puoi ascoltare in audio streaming.

L’Ades e la Geenna: due luoghi di tormento di cui bisogna parlare [Audio Streaming]

L’Ades e la Geenna: due luoghi di tormento di cui bisogna parlare
bibbia microfono mondo

È on line il file audio della predicazione di Giacinto Butindaro dal titolo “L’Ades e la Geenna: due luoghi di tormento di cui bisogna parlare” trasmessa in diretta ieri sera. Il file è un MP3 e pesa circa 54 MB (128 Kbps), 10 MB (24 Kbps). L’audio dura circa 57 minuti. L’archivio delle registrazioni è alla seguente pagina. Qui sotto lo puoi ascoltare in audio streaming.

Concedi ai tuoi servitori di… [Audio Streaming]

Concedi ai tuoi servitori di …
bibbia microfono mondo

È on line il file audio della predicazione di Giacinto Butindaro dal titolo “Concedi ai tuoi servitori di…” trasmessa in diretta ieri sera. Il file è un MP3 e pesa circa 65 MB (128 Kbps), 13 MB (24 Kbps). L’audio dura circa 69 minuti. L’archivio delle registrazioni è alla seguente pagina. Qui sotto lo puoi ascoltare in audio streaming.

L’Ades: un luogo di tormento [Audio Streaming]

L’Ades: un luogo di tormento
bibbia microfono mondo

È on line il file audio della predicazione di Giacinto Butindaro dal titolo “L’Ades: un luogo di tormento” trasmessa in diretta ieri sera. Il file è un MP3 e pesa circa 14 MB (128 Kbps), 3 MB (24 Kbps). L’audio dura circa 14 minuti. L’archivio delle registrazioni è alla seguente pagina. Qui sotto lo puoi ascoltare in audio streaming.

Trascrizione audio:

Uomini e donne, piccoli e grandi, ricchi e poveri, savi e ignoranti, Ebrei e Gentili, ascoltate. La sacra Scrittura, che è la parola di Dio, afferma che esiste nell’aldilà un luogo di tormento dove scendono le anime dei peccatori. Sì, perché l’uomo ha un’anima, tenete bene a mente questo che sto dicendovi: l’uomo ha un’anima, l’uomo è composto da anima, corpo e spirito.

E quando l’uomo muore, lo spirito torna a Dio che l’ha dato, mentre l’anima continua a vivere, continua a vivere a seconda dello stato in cui si trova. Nel senso che se colui che muore, muore nei suoi peccati, l’anima sua va all’inferno, appunto il luogo di tormento da cui vi metto in guardia. Se colui che muore, muore in Cristo, allora la sua anima si diparte dal corpo e va ad abitare nel regno dei cieli, va ad abitare con il Signore, cioè in paradiso, che è un luogo di conforto, un luogo dove coloro che vanno si riposano dalle loro fatiche in maniera cosciente.

Ma eccomi a voi per mettervi in guardia da questo luogo di tormento dove voi siete diretti. Perché siete diretti in questo luogo di tormento? Perché siete dei peccatori, perché siete sotto il peccato e quindi l’ira di Dio è sopra di voi in quanto siete nemici di Dio nella vostra mente e nelle vostre opere malvage. Questa è la vostra condizione davanti a Dio ed è per questa ragione che voi siete sulla via della perdizione, cioè sulla via che mena immediatamente dopo morti in questo luogo di tormento che si chiama Ades.

La cui esistenza è stata confermata dal Signore Gesù Cristo, il Figlio di Dio, che il Padre ha mandato nel mondo per salvare il mondo e a cui il Padre ha ordinato quello che doveva dire. E queste parole che sto per leggervi, che sono uscite dalla bocca di Gesù Cristo, il Figlio di Dio, sono dunque parole di Dio e quindi prestate attenzione perché sono parole fedeli e veraci.

Così è scritto nel capitolo 16 di Luca a partire dal versetto 19: “Or v’era un uomo ricco, il quale vestiva porpora e bisso, ed ogni giorno godeva splendidamente; e v’era un pover’uomo chiamato Lazzaro, che giaceva alla porta di lui, pieno d’ulceri, e bramoso di sfamarsi con le briciole che cadevano dalla tavola del ricco; anzi perfino venivano i cani a leccargli le ulceri. Or avvenne che il povero morì e fu portato dagli angeli nel seno d’Abramo; morì anche il ricco, e fu seppellito. E nell’Ades, essendo ne’ tormenti, alzò gli occhi e vide da lontano Abramo, e Lazzaro nel suo seno; ed esclamò: Padre Abramo, abbi pietà di me, e manda Lazzaro a intingere la punta del dito nell’acqua per rinfrescarmi la lingua, perché son tormentato in questa fiamma. Ma Abramo disse: Figliuolo, ricordati che tu ricevesti i tuoi beni in vita tua, e che Lazzaro similmente ricevette i mali; ma ora qui egli è consolato, e tu sei tormentato. E oltre a tutto questo, fra noi e voi è posta una gran voragine, perché quelli che vorrebbero passar di qui a voi non possano, né di là si passi da noi. Ed egli disse: Ti prego, dunque, o padre, che tu lo mandi a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli, affinché attesti loro queste cose, onde non abbiano anch’essi a venire in questo luogo di tormento. Abramo disse: Hanno Mosè e i profeti; ascoltino quelli. Ed egli: No, padre Abramo; ma se uno va a loro dai morti, si ravvedranno. Ma Abramo rispose: Se non ascoltano Mosè e i profeti, non si lasceranno persuadere neppure se uno dei morti risuscitasse”.

Dunque, come potete vedere, questo luogo che si chiama Ades è un luogo di tormento. In questa storia che ha raccontato Gesù, di questo uomo ricco che che diciamo godeva splendidamente ogni giorno e che vestiva porpora e bisso, di questo uomo viene detto che morì e fu seppellito e si ritrovò nell’Ades, nei tormenti. Perché nei tormenti? Perché nell’Ades c’è un fuoco, un vero fuoco non attizzato da mano d’uomo, ma pur sempre fuoco nel quale sono tormentati gli empi, coloro che appunto sono discesi in questo luogo di tormento.

Ora voi che siete sotto il peccato dovete sapere appunto che siete diretti in questo luogo di tormento. Non ci pensate voi, ma io voglio che voi ci pensiate, perché quando spirerete è là che vi ritroverete, non in paradiso come avete sentito dire a taluni che illudono le persone dicendo che alla fine Dio salverà tutti nel suo paradiso. No, non è così, Iddio non salverà tutti nel suo paradiso. Iddio nel suo paradiso salva coloro che hanno la fede, coloro che credono nel suo Figliuolo Gesù Cristo. Ma coloro che non credono nel suo Figliuolo Gesù Cristo, quando muoiono vengono fatti da lui discendere appunto in questo luogo di tormento, perché Gesù disse: “Chi non avrà creduto sarà condannato”.

Quindi tu che sei diciamo incredulo, sappi che sarai condannato, sarai condannato a un’eternità piena di tormenti. Perché vedi, quando morirai te ne andrai all’inferno (l’Ades è comunemente conosciuto con il termine inferno), te ne andrai all’inferno. Ma ricordati che l’inferno non è il luogo finale dove tu appunto passerai l’eternità, no, perché viene il giorno in cui resusciterai in resurrezione di condanna per comparire davanti a Dio, essere giudicati essere giudicato secondo le tue opere e poi essere gettato in un altro luogo di tormento che è lo stagno ardente di fuoco e di zolfo, o fuoco eterno, dove sarai tormentato anima e corpo per sempre nei secoli dei secoli.

Capisci dunque la via nella quale tu ti trovi, dove ti mena? Dove ti mena? Quando la sacra Scrittura definisce questa via la via della perdizione, proprio dice questo: mena in perdizione. Quindi io ti faccio sapere dove tu sei diretto perché tu in questo momento sei un incredulo.

Però ti voglio anche fare sapere la buona novella, l’Evangelo te lo voglio annunziare perché l’Evangelo è potenza di Dio per la salvezza d’ogni credente, del Giudeo prima e poi del Greco, poiché in esso la giustizia di Dio è rivelata da fede a fede, secondo che è scritto: “Ma il giusto vivrà per fede”. Ti annunzio l’Evangelo perché l’Evangelo è potente da salvarti se tu crederai.

Qual è l’Evangelo nel quale dunque devi credere per essere salvato? È questo: Gesù di Nazareth è il Cristo che è morto per i nostri peccati secondo le Scritture, fu seppellito, risuscitò dai morti il terzo giorno secondo le Scritture e apparve ai testimoni che erano stati innanzi scelti da Dio. Questo è l’Evangelo nel quale devi credere per essere affrancato dal peccato che ti domina, che ti signoreggia. Questo è l’Evangelo nel quale devi credere per ottenere la remissione dei tuoi peccati, di tutti i peccati che tu hai commesso e che sono dei debiti agli occhi di Dio. Questo è l’Evangelo nel quale devi credere per essere giustificato ossia per ottenere la giustizia di Dio basata sulla fede, per essere reso giusto.

Questo è l’Evangelo nel quale devi credere per avere la vita eterna. Sì, anche la vita eterna si ottiene credendo nell’Evangelo. Infatti Gesù disse: “Chi crede ha vita eterna”. Dunque nel momento in cui crederai nell’Evangelo avrai la certezza che alla morte la tua anima sarà salvata dal Signore nel suo regno celeste. Quindi sarai strappato al fuoco nel quale sei diretto, nel quale sei diretto. Sì, potrai dire veramente una volta che hai creduto: “Il Signore mi ha strappato dal fuoco, il Signore veramente mi farà scampare al fuoco dell’Ades quando morirò”.

Capisci dunque questa salvezza che Gesù Cristo il Figlio di Dio ha procurato morendo e resuscitando dai morti? Capisci quanto è grande questa salvezza? Capisci? Il Signore veramente nella sua misericordia, mediante il sacrificio espiatorio di Gesù Cristo, mediante la sua resurrezione, ha provveduto una redenzione eterna. È una redenzione che ti permette di affermare con assoluta certezza che quando morirai andrai con il Signore, ti dipartirai dal corpo e andrai ad abitare con lui e quindi, e quindi ti sentirai tranquillo, gioioso, fiducioso nel Signore.

Però ascolta, ascolta. Ti ho avvertito, ti ho avvertito e continuo ad avvertirti: bada bene che se tu ti rifiuterai di ravvederti e di credere nell’Evangelo, sappi che non vedrai la vita ma l’ira di Dio resta, resterà sopra di te. Resterà sopra di te l’ira di Dio e quindi quando morirai, dato che morirai nei tuoi peccati, te ne andrai appunto nell’Ades, in questo luogo di tormento.

Che farai dunque davanti veramente alla predicazione dell’Evangelo? Crederai in esso? Io spero vivamente e prego che tu veramente possa credere nell’Evangelo perché l’Evangelo, te lo ripeto, è potenza di Dio per la salvezza d’ogni credente. Io questo spero. Però ti avverto: se tu rifiuterai di credere nell’Evangelo, ciò che, ciò che ti aspetta è il tormento nell’Ades prima e poi il tormento che durerà per sempre nell’altro luogo di tormento, appunto chiamato stagno ardente di fuoco e di zolfo, dove sarai tormentato nei secoli dei secoli.

Renditi conto quindi di che cosa ti aspetta se rifiuterai di credere nell’Evangelo che ti ho annunziato, che è l’Evangelo di Dio. Ascolta, l’Evangelo di Dio è verità, è la parola di verità. Credi nell’Evangelo e sarai salvato, sarai perdonato, sarai giustificato e otterrai la vita eterna. Fallo, affrettati. Questo è il giorno della salvezza, oggi è il giorno della salvezza. Questo è il tempo accettevole. Chi ha orecchi da udire, oda.

Non è un dono se te lo devi guadagnare [Audio Streaming]

Non è un dono se te lo devi guadagnare
bibbia microfono mondo

È on line il file audio della predicazione di Giacinto Butindaro dal titolo “Non è un dono se te lo devi guadagnare” trasmessa in diretta ieri sera. Il file è un MP3 e pesa circa 52 MB (128 Kbps), 10 MB (24 Kbps). L’audio dura circa 55 minuti. L’archivio delle registrazioni è alla seguente pagina. Qui sotto lo puoi ascoltare in audio streaming.