Battesimo in acqua

1. Che cosa è e cosa rappresenta il battesimo in acqua?

2. Il battesimo in acqua è facoltativo o obbligatorio?

3. E’ mediante il battesimo che si ottiene la remissione dei peccati?

4. In che cosa consisteva il battesimo per i morti praticato da alcuni credenti a Corinto ….?

5. Gesù diede l’ordine di battezzare agli apostoli; ciò significa che solo gli apostoli hanno l’autorità di battezzare?

6. Il battesimo si può ministrare anche per aspersione?

7. I neonati vanno battezzati?

8. Caro fratello Giacinto, ti saluto nella pace del Signore. Vorrei farti una domanda semplice, ma contemporaneamente difficile. Quando una persona passa dal Cattolicesimo al “Cristianesimo” deve ribattezzarsi? Molti affermano che non c’è bisogno di ribattezzarsi, perchè si è stati battezzati già una volta; altri affermano che si deve ribattezzare perchè il vero battesimo è per immersione e si deve compiere il patto quando una persona è capace di intendere e di volere.

9. Pace! Vorrei porti un quesito che riguarda il battesimo. Una mia cara amica in questi giorni ha “scoperto” l’amore di Dio e la potenza dello Spirito Santo e ha aperto il suo cuore a Gesù. Questa donna era mormone e quindi battezzata per immersione in quella chiesa, dopo qualche anno di matrimonio con un musulmano è divenuta anche lei musulmana. Credo che lei sia nata in una famiglia cattolica e che abbia anche ricevuto il battesimo cattolico. La mia domanda è: deve ripetere di nuovo il battesimo in una Chiesa Evangelica? Lei sente il bisogno di battezzarsi. Ti ringrazio in anticipo. Che Dio ti benedica per i servizi che tu e tuo fratello offrite a tutti noi.

10. Nel nome di chi va ministrato il battesimo in acqua?

11. E’ quando siamo stati battezzati in acqua che abbiamo fatto patto con Dio?

12. Caro fratello, ho letto sul tuo sito la risposta alla domanda su cosa consisteva il “battesimo per i morti” nella chiesa di Corinto (1Cor. 15:29). Mi rendo conto della difficoltà del problema, ma nella risposta ci sono alcune cose che non quadrano: 1) perché il futuro ‘che faranno quelli che…’, quando per alludere ad un uso già esistente sarebbe stato più logico adoperare il presente: “Che fanno?”; 2) Nel N.T. non c’è nulla che possa sostenere il battesimo vicario; 3) Nel I° secolo tale pratica non è documentata; la ritroviamo invece nel II° secolo. 4) E’ strano che Paolo, che nella sua lettera corregge tanti errori dei Corinzi, non abbia neanche una parola di biasimo per una pratica superstiziosa e contraria allo spirito del Vangelo.

13. Può un cristiano nato di nuovo battezzare una persona che ha fatto una genuina esperienza con Gesù anche se non è pastore?

Butindaro Giacinto, Domande e Risposte (Volume 1). Roma 2006. Pagine 471. Vedi l’indice del libro