Brasile, strage a scuola: “Ho visto almeno sette amici morire. Non so come non sono morto”

Testimonianza di Mateus Moraes (foto), 13 anni, risparmiato dall’assassino.

Ho avuto degli incubi nella vita, ma nessuno è paragonabile a quello che ho visto oggi. La lezione di portoghese stava iniziando quando abbiamo sentito uno sparo all’interno della scuola.

In quel momento, tutti erano in preda al panico. L’insegnante ha lasciato la stanza per vedere cosa stesse succedendo e io non capivo niente.

Sentivamo il suono degli spari sempre più forte. C’è stato un fuggi fuggi. Tutti gridavano e cercavano di nascondersi sotto i tavoli.

Poco dopo, un ragazzo con la camicia verde e pantaloni neri con una pistola in ogni mano è entrato nella stanza. Non ho avuto molta reazione. L’unica cosa che ho fatto è stata quella di alzarmi dalla mia sedia, che sta in prima fila nella sala.

Lui stava in piedi a mezzo metro di distanza dal mio tavolo e ha iniziato a sparare. È stato un vigliacco. Andava vicino ai miei amici che erano sul pavimento, aspettava un po’ e gli sparava in testa, al torace.

Ho visto almeno sette amici morire. Non so come non sono morto. Sono stato in piedi tutto il tempo e pregavo. Ogni volta che smetteva di sparare per ricaricare le armi, urlava che non mi avrebbe ucciso. Il ragazzo urlava: “Stai calmo, grassottello. Ho detto che non ti ammazzo”. Lui parlava così, caricava la pistola e andava dagli altri.

A un certo punto ha lasciato la stanza e ha continuato a sparare all’esterno.

Pochi minuti dopo, il rumore è finito. Ho visto diversi compagni feriti, altri morti, tanto sangue sulle pareti della stanza. Non sapevo cosa fare né come fossi vivo. È stato Dio che mi ha aiutato.

Poco dopo, un ufficiale di polizia ha gridato. Gridava affinché gli studenti che erano in vita lasciassero la scuola.

Sono uscito correndo. Così ho finito per tornare a casa. Ho lasciato il materiale indietro. Ho pianto tutto il giorno, ma ora sono tranquillo.
Non avrò più coraggio di studiare in quella scuola. I ricordi sono molto forti.

via paulopes.com.br

Post correlati:

Questa voce è stata pubblicata in Brasile, Cristianesimo, Pericoli scampati, Testimonianze e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Brasile, strage a scuola: “Ho visto almeno sette amici morire. Non so come non sono morto”

  1. Pingback: Brasile, strage a scuola: “Ho visto almeno sette amici morire. Non so come non sono morto” « Sana Dottrina

I commenti sono chiusi.