Atti osceni in luogo pubblico, denunciato un pastore evangelico

Pastore evangelista denunciato per atti osceni

Denunciato per atti osceni in luogo pubblico.
Protagonista dell’episodio un pastore evangelista originario del Tirreno cosentino, sorpreso a masturbarsi in pieno giorno.
L’uomo, del quale sono state rese note solo le iniziali di nome e cognome, G.V., di 60 anni, è stato beccato verso le 13 da una pattuglia di motociclisti della polizia municipale giunta sul ponte Alarico, a pochi metri dalla chiesa di San Francesco di Paola.
Sono stati alcuni automobilisti ad accorgersi di quanto stava avvenendo.
Il chiaro atteggiamento equivoco del sessantenne non è sfuggito ad alcune persone che stavano rientrando a casa.
A quell’ora la strada che attraversa il ponte Alarico è molto trafficata per la chiusura di uffici e scuole.
Una telefonata è giunta alla sala operativa della polizia municipale che ha inviato sul posto una pattuglia di motociclisti.
L’uomo non ha opposto resistenza ed ha abbozzato una mezza difesa. «Sì, è vero – ha detto agli agenti – quello che sto facendo va contro i messaggi che lancio durante le mie prediche. Sono mortificato».
Gli uomini del comandante Scaramuzzo hanno chiamato altri colleghi e l’uomo che nel frattempo si era ricomposto è stato portato in auto nella vicina caserma di via Bendicenti.
Il pastore evangelista è stato identificato e denunciato per atti osceni in luogo pubblico. Un dettagliato rapporto è stato trasmesso anche al magistrato di turno. Dopo di che l’autore del gesto è stato rilasciato.(fra.ros.)

 

 

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Italia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.