Iran. Stretta contro la comunità cristiana, 9 arresti a Isfahan

26 Febbraio 2010

Stretta delle autorità iraniane contro la comunità cristiana di Isfahan, nell’Iran centrale. Un pastore evangelico, il reverendo Wilson Issavi e altri 8 fedeli sono stati arrestati oggi dalle forze di sicurezza, stando a quanto denunciato da Jeff King, presidente del gruppo ‘International Christian Concern’ (Icc).

“Issavi si trovava nell’abitazione di un amico ad Isfahan, quando c’è stato un inaspettato blitz degli agenti”, ha dichiarato King. “Il reverendo, i proprietari dell’abitazione e altre persone che si trovavano lì sono stati arrestati e immediatamente trasferiti in prigione”, ha aggiunto il presidente dell’Icc, che non ha voluto rivelare l’identità degli altri otto cristiani arrestati per motivi di sicurezza. Una nota dell’Icc giudica l’arresto di Issavi “un colpo devastante” per la comunità cristiana nella Repubblica Islamica.

L’arresto del reverendo, tuttavia, non è del tutto inatteso. Lo scorso 2 gennaio, infatti, le autorità avevano disposto la chiusura della chiesa evangelica di Kermanshah, che era una delle poche strutture religiose ancora a disposizione dei cristiani in Iran. Intorno al 15 gennaio, inoltre, sei iraniani di fede cristiana sono stati arrestati dagli uomini del ministero dell’Intelligence a Shiraz, nell’Iran centromeridionale, con l’accusa di proselitismo.

Fonte: L’Occidentale

Post correlati:

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Detenuti cristiani, Iran, Persecuzione e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.