Argentina: Ladro gli spara, lo salva il libro delle preghiere

innario

innario, la vittima lo teneva all'altezza del petto. Foto da Diariouno.com.ar

È stato «un miracolo»: non ha dubbi Mauricio Condorì, un pastore evangelico argentino che durante una rapina, proprio mentre officiava un rito in chiesa, ha avuto la vita salva grazie a un libro di preghiere e canti cristiani che stringeva al petto, e che ha bloccato una pallottola sparata dal ladro facendola rimbalzare in un’altra direzione.

La vicenda è avvenuta in un tempio evangelico nella provincia di Mendoza, mentre i fedeli stavano cantando e pregando a gran voce. All’improvviso è entrato un rapinatore che, agitando la pistola, gridava che gli fosse consegnato tutto il denaro ed i cellulari.

Condorì ha quindi iniziato a raccogliere personalmente in un sacco gli averi dai propri fedeli per consegnarli al ladro. «Tutto sembrava andare liscio. Poi però sono entrati per caso due fedeli, il ladro si è spaventato e mi ha sparato. Credevo fosse un proiettile di gomma perché mi sono accorto subito che, sebbene mi avesse colpito, non ero ferito gravemente: poi, ha concluso, mi sono accorto che il mio libro di canti aveva deviato il proiettile».

Fonte: Il SecoloXIX

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Argentina, Cristianesimo, Pericoli scampati e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.