Corea del Nord: Ex agenti raccontano come si sono infiltrati tra i cristiani

Ex ufficiali della polizia e della sicurezza nazionale della Corea del Nord hanno raccontato ad un’organizzazione governativa americana come i loro superiori gli avevano insegnato a fingere di essere cristiani per infiltrarsi nelle riunioni di preghiera clandestine allo scopo di compromettere, arrestare, imprigionare, e talvolta giustiziare dei credenti nordcoreani.

posto-osservazione

Una delle frontiere più sorvegliate al mondo: posto di osservazione tra la Corea del Nord e la Corea del Sud

Intervistati per un rapporto rilasciato dalla Commissione americana sulla libertà di religione nel mondo (USCIRF), i sei ufficiali avevano ricevuto il compito – prima di fuggire dalla Corea del Nord – di trovare ed eliminare piccoli gruppi di cristiani.

Essi hanno dichiarato che il governo nordcoreano considera la religione, ed il Cristianesimo in particolare, come la prima minaccia per la sicurezza nazionale. Quattro dei sei agenti hanno lavorato in seno all’Agenzia per la sicurezza nazionale, due di loro hanno collaborato con l’Agenzia per la sicurezza del popolo e un altro per il Partito dei lavoratori coreani. Secondo questi sei agenti di sicurezza, ci sono sempre più tentativi di far cessare le attività religiose lungo la frontiera cinese, di organizzare sia false riunioni di preghiera per intrappolare i convertiti rifugiati, sia sessioni di formazione teologica per gli agenti di sicurezza per permettergli di infiltrarsi meglio nelle chiese cristiane in Cina e di stanare i fedeli nordcoreani.

Dei membri della polizia delle frontiere mandarono un altro rifugiato al centro di detenzione della provincia settentrionale di Hamgyeong, poi nella prigione di Onseong, “Mi chiesero se avessi avuto dei contatti con i cristiani. Mi presero a calci e mi picchiarono forte. Dovetti restare in piedi tutta la giornata senza muovermi o parlare…Quando mi chiesero, in serata, se avessi sentito parlare del cristianesimo, risposi di sì.

Quando dei rifugiati rimpatriati hanno avuto poco o nessun contatto con gruppi religiosi, la polizia delle frontiere li trasferisce all’Agenzia per la sicurezza del popolo per un breve periodo di detenzione. Se si scopre che c’è stato un contatto con i cristiani, la persona interessata è allora consegnata all’Agenzia per la sicurezza nazionale dove sarà probabilmente torturata, condannata ad un periodo di detenzione in un campo di lavoro o giustiziata.

Quando dei credenti sono arrestati non c’è un interrogatorio preliminare, ha detto uno degli agenti. “Noi li consideriamo come elementi contro-rivoluzionari. In Corea del Nord, quando questo tipo di trasgressori è arrestato, gli ufficiali dell’Agenzia per la sicurezza nazionale prima di interrogarlo lo circondano colpendolo e picchiandolo violentemente”.

Un altro agente ha confermato che “la domanda più importante che si faceva ai rimpatriati era quella di sapere se avevano incontrato dei missionari o degli evangelisti sudcoreani o se avessero fatto un’esperienza religiosa. Se confessano di aver incontrato dei missionari o dei diaconi, allora senza altra forma di processo saranno mandati all’Agenzia per la sicurezza nazionale dove sono destinati a morte certa. Tuttavia ci sono pochi casi che implicano contatti con dei cristiani.

Questo agente ha continuato dicendo: “Tutto ciò di cui abbiamo bisogno per arrestare qualcuno è una piccolissima prova, come il nome di una persona scritto su una Bibbia. Quando si scopre una Bibbia con un nome, l’Agenzia per la sicurezza nazionale la lascia sul posto finché il proprietario non si fa riconoscere.

Un altro agente ha spiegato che i team di sorveglianza erano suddivisi in quattro categorie: “L’Agenzia per la sicurezza nazionale, l’Agenzia per la sicurezza del popolo, il Partito dei lavoratori e l’Unità di osservazione del vicinato. Diamo istruzioni all’Unità di osservazione del vicinato e al comitato di base del partito affinché sorveglino delle persone precise. Gli chiediamo di osservare attentamente quelle persone e di stilare la lista delle persone che gli fanno visita. Questi team hanno il compito di farci un resoconto ogni quindici giorni”.

Secondo il rapporto dal titolo Prigioni senza sbarre, gli agenti ricevono delle ricompense concrete sotto forma di medaglie, aumento di salario o promozione se riescono ad identificare e ad arrestare dei “trasgressori religiosi”. Alcuni agenti di sicurezza sono talvolta anche “disperati perché se non riescono ad identificare almeno uno o due casi, non possono essere promossi e possono anche essere espulsi dall’Agenzia per la sicurezza nazionale”, ha spiegato uno degli agenti.

Un agente, che ha lavorato per vent’anni in un campo di concentramento per prigionieri politici, dove i cristiani sono spesso mandati, dice di essere stato testimone di esecuzioni segrete durante le quali “l’imputato scava la buca nella quale sarà sepolto” prima di essere giustiziato. Tuttavia, altri agenti hanno ammesso che le esecuzioni pubbliche di “delinquenti politici”, compreso quelle di cristiani, sono diminuite negli ultimi anni a causa di reazioni negative del pubblico.

Secondo uno degli agenti le punizioni variano in funzione dell’attività dell’individuo interessato, “secondo che è apertamente attivo o agisce nella clandestinità. Il fatto che una persona conserva una Bibbia significa che in futuro ha intenzione di credere in una religione…Le punizioni più severe sono applicate alle persone che sono impegnate nel nuovo attivismo religioso, a quelle che importano Bibbie dalla Cina e ai cristiani che aiutano i rifugiati nordcoreani in Cina”.

Un rifugiato ha riferito che uno dei suoi “parenti acquisiti era stato arrestato mentre regalava una Bibbia; così tutta la famiglia è stata trasferita nella prigione 22 (campo di lavoro). Sono stati internati lì perché facevano parte della categoria delle spie religiose”.

Un rifugiato rimpatriato è stato mandato per quindici mesi nella prigione dell’Agenzia per la sicurezza nazionale nella provincia settentrionale di Hamgyeong. Egli paragona la sua esperienza penitenziaria alla vita “di un animale senza un nome. La vita di ognuno dipende dal beneplacito delle guardie, perché uccidere un prigioniero non gli causa alcun danno…”

Tuttavia, sembra che la stretta sorveglianza e la lealtà obbligatoria al sistema comincino a battere in breccia. Sia gli agenti di sicurezza che i rifugiati intervistati per il rapporto hanno menzionato una disillusione largamente diffusa. Come ci ha detto uno degli agenti: “Il motivo per cui il sistema nordcoreano continua ad esistere dipende dal sistema di sorveglianza particolarmente stretto”.

Quando s’installa la disillusione, sempre più persone possono volgersi alla fede ed è la cosa che Kim Jong-il teme di più. Come ha detto un ex prigioniero detenuto in un campo di lavoro: “Avevo l’impressione che ci fossero circa dieci credenti nella mia cella. Non cessavano di pregare. Mi sono quindi messo a pregare con loro”.
dic.

Fonte: AEM – Aide aux Eglises dans le Monde. Bulletin Urgence, Janvier 2009, pag. 4,5

Post correlati:

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Corea del Nord, Cristianesimo, Detenuti cristiani, Intercessione, Persecuzione e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.