Gaza: I cristiani non osano uscire di casa

Una bambina palestinese, che ha lasciato casa con la sua famiglia, guarda fuori da una finestra in una scuola gestita dall'ONU a Jabalya, nel nord della Striscia di Gaza. REUTERS/Mohammed Salem (GAZA)

Una bambina palestinese, che ha lasciato casa con la sua famiglia, guarda fuori da una finestra in una scuola gestita dall'ONU a Jabalya, nel nord della Striscia di Gaza. REUTERS/Mohammed Salem (GAZA)

“La gente ha paura e non esce di casa” spiega un responsabile cristiano sul posto.

Lo scorso week-end una bomba è esplosa di fronte all’unica Chiesa Battista della città. Nessun cristiano è rimasto ferito e l’edificio è stato danneggiato leggermente.

Coloro che avevano lasciato la Striscia di Gaza per le feste non possono più tornare a casa loro e diverse famiglie sono ora separate.

Un cristiano di Gaza ci chiede di pregare in particolare per i bambini: “Si svegliano di notte urlando. Il rumore delle bombe è terribile e non si sa mai dove cadranno.”

Via | PortesOuvertes.fr

Post correlati:

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Intercessione, Striscia di Gaza e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.