NewsDigest, 5-6 luglio 2008

  • Cina: Amity e la Bibbia per le Olimpiadi
    04 luglio 2008 – (ve/nev) Un milione di Bibbie al mese e 50.000 copie di un’edizione speciale in inglese e cinese in vista delle Olimpiadi di Pechino 2008: è quanto viene stampato nel nuovo stabilimento della Amity Printing Company, l’unica casa editrice cinese autorizzata a stampare le Sacre Scritture. La nuova sede, presso la città di Nanchino, è stata inaugurata lo scorso 18 maggio, in presenza di circa 300 ospiti dalla Cina e dall’estero, tra cui Miller Milloy, segretario generale dell’Unione delle Società bibliche, e Paul Irwin, presidente della Società biblica americana. Fondata nel 1988, la Amity Printing Company è una delle più grandi stampatrici di Bibbie del mondo: nel 2007 ha stampato quasi 7 milioni di Bibbie e 690.000 copie del Nuovo Testamento, che sono state diffuse in oltre 70 paesi e 51 lingue diverse.
  • Germania: Dachau cerca gemellaggio con città in Israele
    BERLINO – La città tedesca di Dachau in Baviera, tristemente famosa per aver ospitato il primo campo di concentramento e di sterminio della Germania nazista, farebbe molto volentieri un gemellaggio con una città in Israele, ha detto il sindaco Peter Buergel (Cdu) in una intervista al domenicale Welt am Sonntag di domani. “Naturalmente siamo interessati a un gemellaggio con Israele, ma si tratta di una cosa molto delicata e va preparata con grande attenzione” ha detto il sindaco, riferendosi alla fama storicamente pesante della sua città…
  • Usa, i fedeli a messa nel drive-in
    Si abbaglia con i fari per dire “amen”
    Negli Usa prende sempre più piede la moda della messa ascoltata in automobile e parcheggiati nel drive-in delle chiese, che offrono questo servizio. La funzione religiosa è invariata, la differenza è che tutto viene trasmesso direttamente alla radio dell’auto. Invece di dire “amen” i fedeli sono invitati ad abbagliare con i fari. L’iniziativa avrebbe lo scopo di far sentire a proprio agio le persone che amano l’aria aperta…
  • Dall’Afghanistan al Giappone caccia alle tribù perdute d’Israele
    da Gerusalemme
    Eliahu Avihail è un rabbino ortodosso che da 46 anni si è dedicato a una missione difficilmente definibile «ortodossa»: la scoperta e localizzazione dei discenti delle tribù di Israele che formavano gli antichi stati di Israele (10 tribù) e di Giuda (due tribù). Esse furono esiliate nell’impero assiro babilonese prima e dopo la distruzione del primo Tempio di Gerusalemme nel 586 a.C.. Nonostante i suoi 77 anni Rav Eliahu sprizza energia anche nelle torride giornate estive di Gerusalemme…
Questa voce è stata pubblicata in NewsDigest. Contrassegna il permalink.