Algeria: studioso, repressione anti-cristiani evidenzia chiusura su liberta’ di culto

Parigi, 28 mag. -(Aki) – Il ripetersi di episodi contro sacerdoti e fedeli cristiani in Algeria mostra “la mancanza di rispetto per la libertà di culto e una propensione a non accettare la libertà religiosa”: la denuncia arriva da Gilles Manceron, esperto in storia del colonialismo francese. Secondo Manceron, vice presidente della Lega per i Diritti Umani e direttore della rivista Hommes & Libertés, “gran parte dell’opinione pubblica algerina pone l’accento sulle libertà religiose”, ma l’elemento nuovo è il fatto che “le pressioni contro i cristiani sembrano essere sostenute dalle autorità con la scusa della predicazione evangelica”. Ma questa, ha precisato lo storico, e’ solo “una giustificazione per reprimere la presenza” del cristianesimo in Algeria. Fra gli episodi piu’ recenti l’arresto operato dalle autorità algerine di sei giovani convertiti al Cristianesimo, che rischiano due anni di carcere.

Fonte: Adnkronos

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Algeria, Cristianesimo, Francia, Persecuzione, Società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.