Rifugiati: accogliere i perseguitati religiosi

Le persone che fuggono dal proprio paese per motivi religiosi devono essere riconosciute come rifugiati, secondo le regole stabilite dalle Convenzioni internazionali. Lo ha sostenuto lo storico delle religioni tedesco Hans Meier, cattolico, intervenendo lo scorso 8 maggio sulle pagine del quotidiano svizzero “Neue Zürcher Zeitung”. Meier ha formulato queste considerazioni alla luce del crescente numero di profughi per motivo di religione nel mondo, in particolare di profughi di religione cristiana. Limitarsi a riconoscere lo statuto di rifugiato ai perseguitati politici è riduttivo, ha sostenuto Meier. Considerando la situazione dei cristiani in Iraq, nel mondo arabo, in India, in Tailandia, nella Corea del Nord, in Cina, in Pakistan, in Iran e nei paesi islamici africani, lo statuto di rifugiato dovrebbe essere riconosciuto – secondo Meier – ai cristiani che fuggono da quei paesi. Il diritto di praticare liberamente la propria religione dovrebbe essere affiancato, ha concluso lo storico delle religioni, con un esplicito diritto, sancito a livello mondiale, alla conversione.

Fonte: Voce Evangelica/nzz

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Persecuzione, Rifugiati e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.