Israele – ebrei messianici: Alcune notizie di Ami Ortiz, il ragazzo rimasto gravemente ferito in seguito all’esplosione di un pacco-bomba

[…] Alcune notizie del giovane Ami Ortiz, figlio del pastore dell’assemblea messianica della città di Ariel in Samaria che era stato ferito molto gravemente da un pacco-bomba diretto alla sua famiglia.
Sta molto meglio, è ancora all’ospedale ma cammina e si sposta nell’ospedale, i dottori hanno dichiarato che la sua rieducazione va bene e non ha più bisogno di altre operazioni.
I suoi genitori sono rimasti sempre accanto a lui e la sala d’aspetto dove i visitatori potevano venire a visitarli si è trasformata in una ‘sala di preghiera’ da tanti credenti che venivano a visitarli per incoraggiarli e per pregare con essi per il loro figlio.
Le persone estranee a ciò che si trovavano in quella sala erano stupite (in bene) di vedere tanti credenti messianici di ogni lingua, colore e nazionalità venuti ad incoraggiare e a pregare con i genitori di Ami.
Persino un religioso ebreo ha dichiarato di essere stupito della comunione che esiste tra i messianici poiché pensava che soltanto la gente del suo ambiente fosse unita in quel modo.
La donna di servizio della famiglia di Ami (che non era credente) è rimasta toccata da quello che il Signore ha fatto per Ami ed ha deciso di diventare messianica, è lei che aveva trovato il pacco-bomba sulla soglia della porta e l’aveva riposto in cucina senza sapere quello che faceva. […]

Fonte: Judaisme Messianique

Post correlati:

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Intercessione, Israele, Persecuzione e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.