Spagna: confessa rapitore piccola Mari Luz, stampa

MADRID – Santiago G., il 52enne di Huelva (Andalusia) fermato ieri pomeriggio dalla polizia spagnola come presunto responsabile del sequestro della piccola Mari Luz Cortes, 5 anni, ha dichiarato durante i primi interrogatori che la bimba è ‘caduta accidentalmente’ al suolo mentre lo accompagnava ‘volontariamente’ per la città: lo riferiscono le edizioni elettroniche dei principali quotidiani spagnoli.

Mari Luz Cortes, una bambina di origine rom, era scomparsa lo scorso 13 gennaio a Huelva. Era stata ritrovata senza vita nel fiume cittadino il 7 marzo. La sua scomparsa aveva suscitato forte emozione in Spagna.

Le ultime dichiarazioni dell’arrestato contraddicono, secondo la stampa, quella rilasciata nella serata di ieri, in cui si dichiarava colpevole della morte della piccola. La detenzione era avvenuta vicino a Cuenca, in Castilla La Mancia, dove l’uomo si era spostato con la moglie e la sorella per timore di rappresaglie da parte dei famigliari della vittima, suoi vicini di casa. L’uomo, con precedenti penali per abusi su minori e su una delle figlie, era da subito il primo sospettato del delitto, mentre resta da chiarire il coinvolgimento delle due donne.

Fonte: SwissInfo.ch/SDA-ATS

Post correlati:

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Rapimenti, Spagna e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.