Croazia: cinque Ave Maria per una Coca

Che la chiesa cattolica romana in Croazia abbia aperto un caffè, non fa certo notizia. Ma che in quel caffè le consumazioni si paghino con una o più preghiere, questo sì, fa notizia. A Zagabria i clienti di un locale aperto dalla chiesa cattolica possono pagare le consumazioni dicendo delle preghiere. Il “listino prezzi” prevede quattro Padre nostro per un cappuccino, oppure cinque Ave Maria per una Coca Cola.

Fonte: Voce Evangelica/agenzie

I Cattolici dicono le loro preghiere meccanicamente pensando di essere esauditi per la moltitudine delle loro parole: quello che importa loro è di raggiungere il numero di preghiere stabilito, niente di più. Questo è il modo di pregare che contraddistingue i pagani dai Cristiani; esso è vano perché Gesù ha detto: “E nel pregare non usate soverchie dicerie come fanno i pagani, i quali pensano d’essere esauditi per la moltitudine delle loro parole. Non li rassomigliate dunque, poiché il Padre vostro sa le cose di cui avete bisogno, prima che gliele chiediate…” (Matt. 6:7,8). Tratto da: www.lanuovavia.org

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cattolicesimo, Croazia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.