Kenya – Eldoret: Vescovo invita politici al dialogo e chiede cibo per sfollati

“La situazione è brutta, molto brutta. Chiediamo ai leader politici di avviare un dialogo e mettere fine a questa follia per il bene del Paese” dice alla MISNA il vescovo di Eldoret, Cornelius Kipng’eno Arap Korir contattato stamani in città. “Oggi dovevo essere a Nairobi per una riunione dei vescovi keniani dedicata proprio alle violenze che stanno sconvolgendo il paese, ma sono bloccato a Eldoret. Le strade che portano fuori dalla città sono impraticabili a causa dei blocchi stradali eretti da alcuni giovani e un ponte è stato distrutto” aggiunge il presule. “C’è bisogno di cibo e di aiuti per le migliaia di persone che sono fuggite dalle zone intorno a Eldoret cercando riparo nel centro della città, finora risparmiato dalle violenze. Nella nostra cattedrale abbiamo tra i 7000 e i 10.000 sfollati. Serve cibo e altri beni di prima necessità che ormai o scarseggiano o hanno prezzi elevatissimi” aggiunge il vescovo. Intanto secondo le informazioni raccolte dalla MISNA in città sarebbero tra i 150 e i 200 i morti delle violenze che nelle ultime 72 ore si sono verificate nelle aree rurali intorno a Eldoret. Fonti del principale ospedale cittadino, il Moi Teaching & Referral Hospital hanno parlato in un contatto telefonico avuto questa mattina di quasi 200 persone morte e di 158 feriti attualmente ricoverati. In base al resoconto fornito alla MISNA da Gwen Thompkins – giornalista della National public radio (Npr) statunitense contattata nell’ufficio del vescovo di Eldoret dove si trovava per un’intervista – ottenuto consultando gli obitori cittadini, da lunedì a oggi sarebbero stati registrati 127 cadaveri. Tra questi anche i 17 cadaveri carbonizzati estratti ieri dalla chiesa protestante di Kiambaa data alle fiamme da un gruppo di giovani e al cui interno si trovavano numerosi sfollati. Un attacco descritto oggi da alcuni sopravvissuti sulle colonne del ‘Daily Nation’, principale quotidiano del paese, e in cui, secondo i bilanci più accreditati sarebbero morte in totale tra le 20 e le 40 persone. “La gente è ancora sotto-shock – dice alla MISNA Gwen Thompkins, che ieri si è recata a Kiambaa dove ha incontrato alcuni sopravvissuti – e racconta l’accaduto in modo molto confuso e a volte discordante. Non è ancora possibile comprendere realmente l’impatto delle violenze nella zona”. [MZ]

Fonte: Misna – 2/1/2008 13.47

Nella foto: Elizabeth Wangoi geme vicino alla Chiesa delle Assemblee di Dio in Kiambaa, Eldoret. Photo/JARED NYATAYA

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cattolicesimo, Intercessione, Kenya e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.