Svizzera – Aiuti al Bangladesh: Un milione di franchi di donazioni in una settimana

La sorte delle centinaia di migliaia di persone colpite dal ciclone Sidr in Bangladesh non ha lasciato indifferente la Svizzera. Nel giro di pochi giorni, la raccolta di fondi organizzata dalla Catena della Solidarietà ha superato un milione di franchi e il conto rimane evidentemente aperto.

“Vi sono molte piccole donazioni, ma vi sono anche somme importanti versate da cantoni e comuni, come ad esempio i 20’000 franchi donati dal Canton Turgovia”, afferma Félix Bollmann, direttore della Catena.

Gli aiuti rimangono indispensabili e urgenti. Ancora circa un milione di persone sono senza tetto. Le autorità locali parlano di 273’000 abitazioni distrutte e di altre 650’000 danneggiate. Inoltre vanno ricostruiti 75 edifici scolastici. Al momento, in Bangladesh sono attive alcune organizzazioni partner della Catena della Solidarietà, come ad esempio La Croce Rossa Svizzera, la Caritas, le Chiese Evangeliche, Terre des Hommes, ADRA, Handicap International, Enfants du Monde e Co-operaid.

Gli aiuti consistono nella distribuzione di acqua, generi alimentari, medicine, articoli igienici e alloggi di fortuna. Lo scorso 15 novembre, il ciclone Sidr aveva causato un’onda di sei metri di altezza che era penetrata fino a 35 chilometri dalle coste. I villaggi vicini alla costa sono stati distrutti fino al 90%. Grazie agli edifici protetti, alla formazione ricevuta dalle squadre di soccorso e a un sistema di allarme e di sfollamento funzionale, una conseguenza positiva di azioni umanitarie precedenti, il numero dei morti è rimasto relativamente esiguo in confronto alle dimensioni dell’evento. La Catena della Solidarietà ricorda che il suo conto postale 10-15000-6, con l’annotazione Asia Bangladesh, è a disposizione dei donatori. Per le offerte cliccare qui.

Fonte: Catena della Solidarietà 28.11.07

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Aiuto umanitario, Bangladesh, Svizzera e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.