SPAGNA: Proibiti per legge gli schiaffi ‘educativi’

Dare uno schiaffo al figlio a scopo correttivo diventa atto illegale in Spagna. Lo stabilisce un articolo inserito nella nuova Legge sull’Adozione Internazionale. Benche’ alcuni esperti sostengano che questo metodo rude d’educazione sia gia’ bandito nei fatti, organizzazioni come Unicef o Save the Children ne hanno chiesto la condanna esplicita. Il Governo, che s’era impegnato in questo senso, lo ha incluso nella nuova legge con un articolo in cui si obbliga al rispetto e all’integrita’ fisica e psicologica del minorenne. Il tutto sara’ rafforzato da modifiche ad alcuni articoli del Codice Civile.

Fonte: Aduc.it – 1 novembre 2007-11-02

“…. Volevo chiederti un consiglio rispetto all’educazione dei figli. Credi che di questi tempi sia opportuno usare la cinghia dei pantaloni per educare i propri figli? Non credi che sia anacronistico, un modo troppo vecchio?
Sì, io credo opportuno oggigiorno usare la cinghia nei confronti dei propri figli, ovviamente quando lo meritano. Quando lo meritano ovviamente è il genitore a stabilirlo in base alla disubbidienza o alle disubbidienze del proprio figlio. Chi ama i propri figli li corregge per tempo, dice la Sapienza (cfr. Prov. 13:24), e questa correzione alcune volte va esercitata con delle cinghiate perché le parole non bastano a far capire che una cosa è sbagliato farla. Questo, ripeto, il genitore lo fa perché ama i propri figli e non perché li odia, sì proprio perché li ama. I genitori che odiano i propri figli sono piuttosto coloro che gli fanno fare tutto, gli permettono tutto, anche i comportamenti più irriverenti verso loro stessi e gli altri, senza castigarli o riprenderli. “Chi risparmia la verga, odia il suo figliuolo” (Prov. 13:24), dice sempre la Sapienza. Te lo immagini Dio Padre che non corregge i suoi figliuoli quando lo meritano? Te lo immagini un Padre celeste tollerante verso i suoi figli quando si danno al male? Come potrebbe dire di amarci? Dio mentirebbe se dicesse nella sua Parola che ci ama e poi non ci correggesse o flagellasse quando lo meritiamo. Ma Lui non ha mentito, quando dice che ci ama dice la verità e questo suo amore implica la correzione anche dura talvolta. Egli ci corregge e ci punisce per il nostro bene, affinché siamo partecipi della sua santità. Ecco perché è scritto: “Figliuol mio, non far poca stima della disciplina del Signore, e non ti perder d’animo quando sei da lui ripreso; perché il Signore corregge colui ch’Egli ama, e flagella ogni figliuolo ch’Egli gradisce” (Ebr. 12:5-6). Certo, sul momento ci rattristiamo, ma poi alla fine nel vedere il frutto della sua punizione ci rallegriamo e diremo le parole del salmista: “È stato un bene per me l’essere afflitto, ond’io imparassi i tuoi statuti …. Io so, o Eterno, che i tuoi giudizî son giusti, e che nella tua fedeltà m’hai afflitto” (Sal. 119:71,75).
E così i figli quando vengono afflitti con delle punizioni corporali dai propri genitori, sul momento piangono o si rattristano, ma poi quando saranno adulti capiranno che i loro genitori li castigarono per il loro bene, per evitargli guai e dolori a non finire. E si mostreranno riconoscenti a Dio per avere dato loro simili genitori.
Quindi, come dice la Sapienza: “Non risparmiare la correzione al fanciullo; se lo batti con la verga, non ne morrà; lo batterai con la verga, ma libererai l’anima sua dal soggiorno de’ morti” (Prov. 23:13-14). Non ti fare ingannare da quei savi secondo il mondo che sono contro questo tipo di educazione adducendo le più svariate ragioni. Essi mentono. Se oggi moltissimi giovani si comportano imprudentemente o sgarbatamente o violentemente, senza rispetto verso gli anziani, verso le autorità, verso i propri insegnanti a scuola, e così via, è proprio perché i loro genitori non li educano come dovrebbero, cioè facendo uso anche delle cinghiate. I frutti amari dei loro ragionamenti vani sono sotto gli occhi di tutti. Non dare loro retta.” (Tratto da: www.lanuovavia.org)

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Società, Spagna e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a SPAGNA: Proibiti per legge gli schiaffi ‘educativi’

  1. paolo scrive:

    Ogni tanto qualche sberla può essere salutare, ma le cinghiate vanno bandite per sempre. Quanto alla Bibbia, occorrerebbe un accurato lavoro filogico per sapare se il testo avalli veramente l’uso di metodi educativi violenti.
    E comunque sistemi pedagogici in uso 4000 anni fa o giù di lì non possono essere adottati nel 2007!

I commenti sono chiusi.