1907-2007 100 anni di Pentecoste in Nord Europa

A settembre, ad Oslo, il Movimento Pentecostale europeo celebra i suoi 100 anni di vita.
Nel 1906 un pastore metodista proveniente dalla Norvegia, Thomas Ball Barratt (1862-1940) visitò l’America per raccogliere fondi per la sua attività missionaria nella città di Oslo, che allora si chiamava Kristiania. Il suo viaggio si rivelò un fallimento, ma prima di salpare da New York e fare rientro in patria, il pastore norvegese visse un’esperienza che avrebbe cambiato il corso della sua vita.
Seppe del risveglio divampato come un incendio dalla piccola chiesa metodista di Azusa Street, a Los Angeles, e scrisse ai responsabili della missione.
Dopo essersi accertato che quelle manifestazioni erano bibliche, egli stesso chiese, e Dio gli concesse, il battesimo nello Spirito Santo.
Questo inglese originario della Cornovaglia, ma vissuto in Norvegia sin da ragazzo, sarà l’uomo usato da Dio per diffondere la Pentecoste in diversi Paesi del Nord Europa.
Egli fu la risposta allo spirito di ricerca e di preghiera che animava ormai molti cristiani in Inghilterra, in Svezia, in Norvegia, in Olanda e in molti altri Paesi ancora.
Ritornato in Norvegia, Barratt cominciò a predicare il messaggio della Pentecoste e la sua chiesa sperimentò un grande risveglio.
Oggi ci sono in Norvegia 250 chiese pentecostali, che contano complessivamente circa 30 mila membri battezzati.
A gennaio del 1907 nella vicina Svezia un giovane pastore battista, Lewi Petrus (1884-1974), dopo aver letto su un giornale la notizia del risveglio in Norvegia, partì per Oslo, deciso a non tornare indietro se non dopo aver ricevuto il battesimo che tanto desiderava.
Lewi Petrus tornò presto nella sua chiesa e divenne lo strumento usato da Dio per la nascita del movimento pentecostale nel Paese scandinavo, che conta oggi 480 chiese pentecostali e circa 90 mila membri battezzati.
Nel mese di giugno dello stesso anno, Barratt visitò Copenaghen, in Danimarca, dove oggi esistono 43 chiese pentecostali per un totale di circa 5 mila membri.
Nel settembre del 1907 Alexander Boddy (1854-1930), un ministro della chiesa inglese che aveva assistito al grande risveglio del Galles del 1904, invitò Barratt a tenere delle riunioni nella chiesa di Sunderland, in Inghilterra, dove si riunivano sistematicamente ormai da alcuni anni diverse persone alla ricerca di un risveglio.
Con la predicazione di Barratt il gruppo realizzò una nuova fresca unzione dall’alto e ben presto il risveglio si diffuse in tutta l’Inghilterra.

Tratto da: Cristiani Oggi, 1-15 settembre 2007, pag. 7

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Europa, Norvegia, Pentecostali, Svezia e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.