Visite negate per Kalataevsky

ASHGABAT (Turkmenistan) – Sono cinque in tre mesi i testimoni di Geova condannati per il rifiuto del servizio militare obbligatorio. Intanto rimane in carcere il pastore battista Vyacheslav Kalataevsky e per i familiari è persino difficile vederlo. […]

La famiglia del pastore battista Kalataevsky lamenta che ha potuto vederlo solo una volta per appena 40 minuti in un mese. In prigione da marzo, a maggio è stato condannato a 3 anni di campo di lavoro per essere tornato in Patria senza permesso, ma la moglie Valentina lamenta che nel processo gli è stata solo contestata la sua attività religiosa e la Corte non ha voluto verificare se la precedente espulsione del 2001 (per avere organizzato incontri di preghiera) fosse regolare. Ora spera di essere compreso nell’amnistia che il governo ha annunciato per la fine del Ramadan ad ottobre, di cui dovrebbero beneficiare oltre 9mila detenuti.

Fonte: Evangelici.net/AsiaNews

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Detenuti cristiani, Intercessione, Persecuzione, Turkmenistan e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.