Corte europea: il nome del bambino viene deciso dai genitori

Il diritto dei genitori di scegliere il nome dei figli prevale sull’esigenza di preservare l’identità culturale e linguistica di uno Stato. Questa la decisione della Corte europea dei diritti dell’uomo che, con la sentenza del 6 settembre scorso (caso Johansson contro Finlandia, ricorso n. 10163.02), ha posto un freno alla discrezionalità degli Stati nell’individuazione di limiti all’utilizzo di alcuni nomi non usuali in patria, rafforzando invece la libertà di scelta della coppia. Per Strasburgo, il diritto al rispetto della vita privata e familiare, assicurato dall’articolo 8 della Convenzione, include il potere dei genitori di scegliere liberamente il nome dei figli, soprattutto se diffusi all’estero, che prevale sull’esigenza di garantire una prassi nazionale in materia di registrazione di nomi.

Fonte: Aduc.it – 17 Settembre 2007

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Europa, Società e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.