COMORE: Si aggrava epidemia di colera, mezzi insufficienti per le cure

Dallo scorso 1° agosto, almeno 10 persone sono morte e circa 300 si sono ammalate di colera nell’arcipelago delle Comore, dove l’epidemia era comparsa per la prima volta a febbraio, senza però causare particolari allarmi. Lo riferisce il giornale Kweli, precisando che per far fronte alla rinnovata epidemia negli ultimi mesi sono stati creati centri di cura per le persone affette dalla malattia, come a Mitsamiouli, nel nord dell’isola di Grande Comore (principale delle tre isole del paese), ma secondo fonti di stampa, hanno una capacità di accoglienza molto ridotta e le cure sono insufficienti, così come i mezzi a disposizione del personale paramedico, tra cui molti volontari della Croce rossa locale. Una campagna di sensibilizzazione della popolazione sui comportamenti da adottare per evitare il dilagare dell’epidemia è stata avviata, anche attraverso gli imam, che hanno dedicato parte delle loro prediche di venerdì scorso all’informazione sul rischio colera. Le precedenti epidemie di colera nell’arcipelago risalgono al 1998 e al 1975.
[CC]

Fonte : Misna – 13/8/2007 21.03

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Intercessione, Islam, Isole Comore. Contrassegna il permalink.