TURKMENISTAN: Un cristiano battista condannato a tre anni di campo di lavoro

Il 14 maggio il cristiano turcmeno Vjacheslav Kalataevsky è stato condannato a tre anni di campo di lavoro. La ragione ufficiale di questa condanna è che nel 2001 ha varcato illegalmente la frontiera.

In precedenza era stato espulso dal paese per aver organizzato “una casa di preghiera e incontri per cristiani battisti”. Durante il suo processo Kalataevsky ha dichiarato: “Fui cacciato in Kazakistan senza soldi e senza documenti. Le autorità kazake mi imposero di lasciare il loro paese entro 24 ore. Che altro potevo fare se non ritornare dai miei familiari in Turkmenistan?” Kalataevsky è stato arrestato in Turkmenistan a marzo di quest’anno.

Il 19 maggio è stato arrestato l’evangelista Jevgeny Molotov (37 anni) a Turkmenbashi, la capitale turcmena. Molotov è il pastore della chiesa battista in quella città. (F18)

Tratto da: Porte Aperte, 151, Agosto/Settembre 2007, pag. 13

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Detenuti cristiani, Intercessione, Persecuzione, Turkmenistan e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.