INDIA: Persecuzione dei cristiani in Karnataka

Continua la pressione nelle nostre chiese dei distretti del nord dello stato federato di Karnataka. Dopo che nelle ultime elezioni parlamentari i partiti radicali hanno vinto per influsso, a livello locale vengono installati uffici di partito che controllano la attività dei cristiani.

Frattanto le chiese e tutti i nostri pastori sono stati obbligati ad essere registrati. Di domenica vengono dei controllori persino nei nostri culti e prendono le generalità di tutti i visitatori dei culti. Queste stesse pratiche noi le conoscevamo perché erano praticate nei paesi comunisti, però adesso sono i nostri fratelli e le sorelle in India a sentirsi sotto pressione. Particolarmente le chiese di Shimoga, Sowlanga, Gulbarga e Bijapur hanno bisogno del nostro urgente sostegno. Qui i nostri fratelli ricevono regolarmente botte dagli indù radicali se questi invadono i culti la domenica mattina.

Il nostro direttore regionale, il fratello Venkatesh, ha dovuto lasciare la zona con la sua famiglia perché era stato più volte bastonato e minacciato di morte, la sua casa è stata assalita e la mobilia distrutta e anche rubata.

La sua famiglia è potuta scappare soltanto con gli abiti che aveva addosso. Nei giornali si sono fatte istigazioni accanite contro di lui perseguitandolo. La polizia vede tutto senza fare niente. L’intercessione di un presidente del parlamento, cristiano in pensione, non ha potuto aiutare a bloccare le attività dei fanatici radicali. Alcuni mesi fa un gruppo di 25 cristiani coreani, che aveva evangelizzato nei paesi di questa regione, è stato arrestato e imprigionato per poco tempo. Alla fine sono stati espulsi.

Adesso noi desideriamo aiutare il fratello Venkatesh affinché egli e la sua famiglia possano avere una propria casa, dei necessari mobili, gli utensili per la cucina e i vestiti. Ogni aiuto dei fratelli lettori di “Cristiani Sofferenti” in questa direzione è il benvenuto!

Da: ACS Italia – notizia pubblicata su Cristiani Sofferenti, 2/2007

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, India, Intercessione, Persecuzione. Contrassegna il permalink.

Una risposta a INDIA: Persecuzione dei cristiani in Karnataka

  1. shuz scrive:

    i really wish i understood this post. i could only read two words, India and Karnataka!

I commenti sono chiusi.