CINA: Il pastore Zhang ammalato in carcere

Il pastore Zhang Rongliang, leader di un movimento di comunità familiari, è detenuto da dicembre del 2005. L’anno scorso è stato condannato a 7 anni e mezzo di detenzione con l’assurda accusa di aver “contraffatto il passaporto ed essere espatriato illegalmente”. Zhang è già stato arrestato 5 volte ed ha trascorso in carcere ben 12 anni. Sua moglie Chen ha dichiarato che Zhang non sta bene, soffre di diabete, pressione alta e reumatismi.

Da settembre del 2006, Chen ha il permesso di visitare il marito una volta al mese per 30 minuti. Ai loro colloqui c’è sempre un secondino e devono parlare a voce alta per farsi capire.

Zhang condivide una cella di circa trenta metri quadrati con altri venti detenuti. I letti e il gabinetto mancano. Il secchio con gli escrementi può essere svuotato solo una volta al giorno.

Il pastore Zhang ha il permesso di leggere ogni tanto la Bibbia e condivide il Vangelo ai compagni di cella. Finora oltre quaranta persone hanno creduto in Cristo. Uno di loro, un condannato a morte, ha invitato la madre a credere in Gesù e le ha scritto: “Io andrò presto in cielo ad aspettarti”.

Anche i figli del pastore Rongliang sono impegnati nel ministero cristiano, ma sono costretti alla latitanza perché nel mirino della polizia

Fonte: Porte Aperte Italia

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cina, Cristianesimo, Detenuti cristiani, Intercessione, Persecuzione. Contrassegna il permalink.