Eritrea: Arrestato il presidente dell’Alleanza Evangelica

Dall’arresto del suo predecessore nel 2004, era lui a capo dell’Alleanza Evangelica Eritrea. Il pastore Zecharias Abraham è stato fermato durante un raid della polizia, domenica 29 aprile all’uscita dal culto. È stato arrestato insieme ad altri 79 membri della Chiesa Presbiteriana Evangelica Mehrete Yesus ad Asmara. Tra loro si contano cristiani di origine indiana ed una coppia di americani. Quest’ultima è stata rilasciata 48 ore dopo, ma gli altri sono ancora in stato di arresto.

Almeno 2.000 cristiani sono imprigionati in Eritrea a causa della loro fede. Decine di pastori e di preti sono incarcerati nelle prigioni, nei commissariati di polizia e nei campi militari. Alcuni vi sono da 4 anni.

Dal 2001, solo la chiesa ortodossa, quella cattolica e quella luterana sono legali in Eritrea e, dal maggio 2002, ogni persona sorpresa a praticare la propria religione al di fuori dei luoghi autorizzati dal governo viene arrestata, torturata e subisce pressioni al fine di fargli rinnegare la sua fede. Questi ultimi 9 mesi, si sa che almeno tre cristiani sono morti a seguito di maltrattamenti subiti durante la loro detenzione.

Fonte: Portes Ouvertes

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Detenuti cristiani, Eritrea, Intercessione, Persecuzione e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.