Turchia: Quattro evangelisti arrestati ad Istanbul

In un parco di Istanbul, David Byle, un missionario americano spiegava ai passanti che il perdono era l’unica speranza per il mondo. “Raccontavo loro che stavo tornando dai funerali che si sono svolti a Malatya e Izmir e che avevo incontrato le vedove dei cristiani assassinati. Dicevo quanto fossi stupito della gentilezza e del modo in cui esse avevano perdonato gli assassini”.

Una quarantina di persone ascoltavano David Byle. Tutto si svolgeva nella calma, nondimeno, a seguito di una denuncia, la polizia è intervenuta. Il missionario è stato arrestato, così come i tre evangelisti che lo accompagnavano, il 25 aprile scorso.

Due di loro, di origine turca sono stati rilasciati qualche ora dopo. Il terzo, un missionario sud-coreano potrebbe essere espulso dal paese. Quanto a David Byle, egli è stato trattenuto dalla polizia per 48 ore prima di essere liberato. Tutti e quattro sono stati accusati di attività missionaria, di turbamento all’ordine pubblico e di insulto all’islam.

Fonte: Portes Ouvertes

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Intercessione, Persecuzione, Turchia. Contrassegna il permalink.