Turchia: I tre cristiani assassinati sono stati inumati

Una gran parte della popolazione di Malatya, nel sud-est della Turchia, era presente per manifestare la sua simpatia durante l’inumazione dei tre collaboratori della stamperia cristiana Zirve. Erano stati torturati a morte lo scorso 18 aprile da cinque giovani militanti islamisti. Secondo l’agenzia di stampa IDEA, Tilman Geske, 45 anni, che lascia una moglie e tre figli, è stato sepolto il 20 aprile a Malatya, sua città adottiva. Viveva in Turchia dal 1997, di cui gli ultimi quattro anni a Malatya.  Questo teologo lavorava come traduttore indipendente ed esperto in informatica.

Il turco Necati Aydin, 35 anni, è stato inumato a Izmir il 21 aprile nel cimitero cristiano della sua città natale. Aveva due figli dell’età di cinque e sette anni. Necati Aydin, cristiano di origine musulmana, mostrava regolarmente il film “Jesus” in tutta la Turchia. Aveva di recente presentato sul canale televisivo Turk-7 uno speciale programma pasquale sulla vita di Gesù. Nell’ottobre scorso, aveva cominciato a studiare teologia ad Ankara. Il suo feretro è stato sepolto durante l’intonazione del canto “La bontà del Signore non ha fine”.

La terza vittima, Ugur Yuksel, 32 anni, era già stato inumato secondo il rito islamico il giorno dopo l’assassinio, avendo i suoi genitori dubitato della sua conversione al cristianesimo.

Susanne Geske, la moglie di Tilman, ha perdonato gli assassini di suo marito. In una intervista trasmessa sul canale televisivo turco ATV, ella ha citato le parole di Gesù in croce: “Padre, perdona loro, perché non sanno quello che fanno”. Questa mamma di tre bambini fra i sette e i dodici anni ha aggiunto: “Non ho alcun desiderio di vendetta”. Secondo il canale televisivo, Suzanne Geske, che vive in Turchia da una decina d’anni, desidera rimanere a Malatya.

Frattanto, la polizia ha arrestato undici sospetti. Cinque giovani dell’età di 19 e 20 anni arrestati immediatamente dopo i fatti vivevano in un pensionato islamico per studenti. Le loro borse contenevano dei volantini che dichiaravano: “Questo serva di lezione ai nemici della nostra religione. L’abbiamo fatto per il bene del nostro paese”. Il 18 aprile, questi giovani musulmani avevano fatto irruzione nella casa editrice cristiana di Malatya  e avevano legato i tre cristiani. Secondo un portavoce dell’ospedale, i medici hanno constatato la presenza di 156 tagli sul corpo di Tilman Geske. Il cadavere di Ugur Yuksel portava profondi tagli ai genitali e alle dita.

Fonte: www.portesouvertes.ch/IDEA

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Intercessione, Martiri, Persecuzione, Turchia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.