India: Aggressioni, violenze e assassini di cristiani indiani

Agenti di polizia e membri di un gruppo estremista indù dello stato di Andhra Pradesh, domenica 11 marzo, hanno adescato un pastore in una remota foresta, dove lo hanno legato, mani e piedi, e poi colpito a bastonate. L’accusa contro di lui è stata quella di aver offerto soldi per la conversione di indù.

Bakhthula Anand, 48 anni, della Casa di Preghiera Bethesda, nel villaggio di Ambojipeta, distretto di Medak, ha riportato pesanti ferite ai polsi e alle caviglie, rigonfiamenti e perdita di sangue. Gli aggressori erano appartenenti al gruppo RSS Rashtriya Swayamsevak Sangh (RSS).

Il Pastore Anad era nella sua casa, adiacente alla chiesa, mentre leggeva la Bibbia. Ad un certo punto due poliziotti si sono presentati a lui dicendo che l’ufficiale di polizia voleva parlargli.
“Mentre stavamo camminando, ancora non lontani dal villaggio, siamo stati raggiunti da un gruppo di circa 25, 30 estremisti indù appartenenti al RSS”, ha detto il Pastore Anand, “poi mi hanno forzato a camminare verso l’interno della foresta, per 6 km circa. Ad un certo punto i poliziotti, non li ho più visti tra di noi, e quindi hanno incominciato a picchiarmi”.
Il Dr. Sajan K. George, del Consiglio Globale dei Cristiani Indiani (GCIC), ha detto che il Pastore Anand ha potuto riconoscere che uno degli estremisti, sebbene non ricordasse il nome, era stato presente al culto domenicale per i sei mesi precedenti.
L’ispettore della stazione di polizia di Shankarampet, Yadagiri Raju, ed il suo vice, Anile Kumar, hanno negato di aver mai richiesto di parlare con il pastore, e tanto meno sanno dell’aggressione.
Alcuni medici stanno ancora verificando se vi sono stati danni agli organi interni.
Il Pastore Anand ha fondato la Casa di Preghiera Bethesda nel 1995, ha una congregazione di circa 200 credenti, ed una rete di piccole chiese, che lui stesso ha forndato nella Regione di Telangana.
“Questo è un tipico modello di comportamento del RSS in questa area di Telanga”, ha detto Lionel Francis, coordinatore locale del GCIC; “il gruppo RSS ha una rete di spie ben piantata per attaccare i pastori indipendenti, frequentano le riunioni di preghiera, per passare informazioni utili per attuare il loro piano”.
Purtroppo si può fare ben poco contro tale gruppo, visto che hanno anche il tacito appoggio della polizia.

Nello stato di Andhra Pradesh, si sono perpetrati, fin ad ora, quattro assassini di cristiani.
Il Pastore Goda Israel, 29 anni, è stato trovato morto in un canale nel distretto di Krishna, il 20 febbraio scorso.
Due pastori, K. Daniele e K. Isaac Raju, uccisi vicino la capitale dello stato Hyderabad, nel maggio 2005.
L’11 settembre del 2000, due persone non identificate hanno decapitato il Pastore Yesu Dasu, 52 anni, alla periferia di Mustabad, nel distretto di Karimnagar.

Fonte: Porte Aperte Italia

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, India, Intercessione, Martiri, Persecuzione. Contrassegna il permalink.