Zambia: Un uomo racconta la sua straziante storia di stregoneria e di omicidi

“… Era ricercato dalla polizia da anni ma sembrava avere una capacità soprannaturale ad evitare la cattura e persino la morte. Egli afferma, infatti, che essa proveniva da uno stregone che gli aveva fornito un feticcio molto potente – il che gli permetteva di


sfuggire alla polizia e di arricchirsi grazie ai suoi delitti.

Un prezzo terribile

Quella potenza aveva tuttavia un prezzo terribile: si è ritrovato costretto dal feticcio ad uccidere dei membri della sua famiglia, mettendo semplicemente il feticcio sotto il loro letto. Un gran numero di membri della sua famiglia è così morto in circostanze misteriose. Quegli “omicidi” non sono state le sole cose che egli è stato costretto a fare: si è sentito spinto dal feticcio a commettere altri misfatti. Ha cercato di sbarazzarsene, invano. Aveva totalmente perso il controllo della sua vita.

Disperato, era andato a far visita a dei pastori per chiedergli il loro aiuto ma lo hanno rigettato, inorriditi dal suo racconto. Un giorno, ha incontrato un gruppo di persone che, seduto davanti ad una chiesa, ascoltava delle storie registrate su delle cassette audio nella sua lingua madre, il bemba. Ha sentito il nome di Gesù e, con sorpresa degli altri ascoltatori, quel noto criminale si è seduto per ascoltare con loro.

Libero per la prima volta

Quando la seduta è terminata ha chiesto di vedere il pastore che lo ha invitato a casa sua. Per settimane, il pastore ha pregato con lui e gli ha parlato di Gesù. Venuto il momento, hanno bruciato il feticcio e l’uomo si è sentito libero per la prima volta da anni. Insieme, hanno ascoltato la Bibbia audio in bemba e l’uomo è diventato cristiano. Oggi, egli è diacono nella chiesa ed un evangelista entusiasta.

Tratto dall’articolo: FVE à l’œuvre au milieu de l’analphabétisme, de la sorcellerie et des crimes, apparso su : Nouvelles bibliques de l’ABU n° 404, page 26, août 2006

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Conversioni, Cristianesimo, Testimonianze, Zambia. Contrassegna il permalink.