Indonesia: Un evangelista in carcere per bestemmia

Abraham Bentar è evangelista. Nel maggio scorso è stato condannato a 4 anni e mezzo di carcere per aver bestemmiato contro l’islam e il suo profeta Maometto. Lo abbiamo incontrato ultimamente nel carcere di Tasikmalaya, nella provincia ovest di Java. Ha innanzitutto creduto che stessimo per picchiarlo come fanno altri visitatori che vengono regolarmente per indurlo a rinunciare al cristianesimo. “Sono stato picchiato numerose volte” ci ha raccontato, “ho perso sei denti a causa di questo”.


Nel carcere, ha buone relazioni con le guardie e i compagni di detenzione. Divide la cella con altre quattro persone. “Ogni giorno prego dalle 3 alle 4 di notte. La domenica siamo autorizzati a radunarci con altri quattro cristiani per rendere un culto a Dio”.

Abraham, 55 anni, è diabetico e si riprende da un recente colpo apoplettico. Prova molto dolore a sopportare questa situazione. Dovrebbe presto essere trasferito in un altro carcere, il che lo avvicinerà a sua moglie, Waty, dell’età di 36 anni e a sua figlia Rinda, dell’età di 14 anni. Egli lotta contro lo scoraggiamento e la paura. Malgrado tutto si rende conto “che non è niente messo a confronto a ciò che hanno sopportato Paolo e Gesù Cristo stesso”. Ci ha dichiarato di aver perdonato quelli che lo perseguitano.

Fonte: Portes Ouvertes/TopInfo

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Detenuti cristiani, Indonesia, Intercessione, Persecuzione. Contrassegna il permalink.