CINA: repressione contro i protestanti

Sei leader protestanti sono stati condannati a morte, in Cina, con l’accusa di omicidio ed appropriazione indebita: secondo gli avvocati difensori, le prove presentate non sono sufficienti per incriminare nessuno di loro e la confessione che per i giudici ha risolto il caso è stata estorta con la tortura. Lo denuncia la China Aid Association, un’organizzazione non governativa con base negli Stati Uniti che opera per la libertà religiosa in Cina.
Il verdetto è stato pronunciato dal giudice Liu Qingyi, della Corte intermedia del popolo di Shuangyashan, nella provincia orientale dell’Heilongjiang. Secondo una fonte – anonima per motivi di sicurezza – che ne ha ottenuto una copia, la polizia ha messo sotto accusa nello stesso processo 17 persone: Xu Shuangfu (60 anni), Li Maoxing (55) e Wang Jun (36) sono stati condannati a morte per omicidio. Con la stessa accusa sono stati condannati, sempre alla pena capitale, anche Zhang Min (35 anni), Zhu Lixin (37) e Ben Zhonghai: per loro, la sentenza è stata sospesa. Il giudice ha poi condannato gli altri 11 processati a pene che variano dai 3 ai 15 anni di reclusione.
Per gli avvocati della difesa le prove presentate dal governo non determinano in alcun modo la colpevolezza dei loro assistiti e sono state estorte tramite tortura, una pratica che lo stesso governo cinese ha definito “diffusa nelle sue carceri”.

La China Aid Association sottolinea un continuo incremento nella repressione verso i protestanti non ufficiali che aderiscono alle comunità clandestine di tutto il Paese. Il 6 luglio la polizia di Langzhong, nel Sichuan, ha arrestato il pastore Wang Shixiu mentre faceva acquisti e sette dei 30 leader arrestati il 28 maggio scorso sono ancora detenuti. Un pastore, che ha chiesto l’anonimato, ha affermato che nel Guangdong gli agenti di pubblica sicurezza entrano nei luoghi di culto con il mitra in mano. Nella provincia, il governo ha chiuso con la forza le chiese clandestine protestanti di Meixin e Wu Yang.

Pechino riconosce solamente le chiese protestanti che fanno parte del Movimento delle tre autonomie (MTA), nato nel 1950 dopo la presa di potere di Mao e l’espulsione dei missionari stranieri e dei leader delle Chiese, anche cinesi. Le statistiche ufficiali dicono che in Cina ci sono 10 milioni di protestanti ufficiali, tutti uniti nel MTA. I protestanti non ufficiali, che si radunano nelle chiese clandestine, non registrate, sono stimati ad oltre 50 milioni. Nel corso dello scorso anno, il governo ha arrestato 1958 fra pastori e fedeli delle chiese protestanti non ufficiali.

Fonte: VE/AsiaNews

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cina, Cristianesimo, Detenuti cristiani, Intercessione, Persecuzione. Contrassegna il permalink.