Bangladesh: Cristiano assassinato

Verona (PA/CLB) – Il primo martire della fede del Bangladesh moderno, Hridoy Roy, è stato assassinato il 24 aprile da sicari. Costoro, in precedenza, avevano minacciato di ucciderlo se avesse continuato a proiettare il film “Jesus”. Hridoy, malgrado le minacce, ha continuato le proiezioni. La notte fra il 23 e il 24 aprile, verso l’una del mattino, Hridoy stava rientrando a casa dopo la proiezione del film. Stava scaricando l’attrezzatura dalla macchina, quando una decina di assalitori l’hanno immobilizzato e legato con una fune. Quindi l’hanno pugnalato sette volte uccidendolo sul colpo.
Il 25 aprile, Hridoy è stato tumulato nel suo villaggio d’origine. Quando un team del CLB (Christian Life of Bangladesh) è arrivata sul posto, verso mezzanotte, tutti i membri della sua famiglia e i suoi vicini erano riuniti in preghiera. Sua madre ha pregato: «Signore perdona gli assassini di mio figlio, e cambia la loro vita». Il padre di Hridoy è un uomo molto povero, ha tre figli e due figlie. Hridoy era il secondo figlio ed il solo membro della famiglia ad avere delle entrate, suo padre e suo fratello sono disoccupati.
Tre degli assassini sono stati arrestati dalla polizia. I fratelli sperano che anche gli altri siano presto arrestati e giudicati.

Fonte: Porte Aperte Italia – 24 maggio 2003

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Bangladesh, Cristianesimo, Intercessione, Martiri, Persecuzione e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.