Turchia: Chiusura di una chiesa protestante

12.07.2002 – (Portes Ouvertes) – La polizia turca ha ordinato la chiusura di una chiesa protestante che si riuniva da quaranta anni nella città portuaria di Iskenderun, nel sud-est del paese. Motivi invocati: la chiesa non avrebbe “base legale” e le sue attività sarebbero “nocive alla società”.

“Noi non siamo nemici dello Stato”, ha commentato il pastore Yusuf Yasmin, sbalordito dalla notizia. “Noi amiamo il nostro paese. Perché ci fanno questo?”

Il signor Yasmin, il 14 giugno scorso, ha ricevuto l’ordine di togliere via la targa della chiesa così come l’orario dei culti dalla facciata dell’edificio il giorno stesso prima delle 17. La comunità si riuniva in questo posto da sette anni senza che nessuno si fosse mai lamentato.

La chiesa ha assunto un avvocato che si appresta ad avviare una procedura davanti ai tribunali amministrativi al fine di difendere il diritto alla libertà religiosa garantito dalla costituzione turca.

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Intercessione, Persecuzione, Turchia. Contrassegna il permalink.