Preoccupazione dei cristiani in Nigeria

I cristiani temono per loro stessi quando i dirigenti sono in maggioranza musulmani. Il paese ha abbracciato la legge coranica (sharia) e le discriminazioni contro i cristiani aumentano. I luoghi di culto bruciano e le donne cristiane che non si vestono secondo la norma musulmana sono chiamate prostitute. Le assemblee sono disertate e numerosi sono quelli che fuggono dallo stato di Zamrara, che ha adottato la legge coranica nell’ottobre del 1999.

Fonte: Compass Direct News/Voxdei

Condividi

Questa voce è stata pubblicata in Cristianesimo, Intercessione, Islam, Nigeria, Persecuzione. Contrassegna il permalink.